Uncategorized

Napsütötte téglalakás Győr zöld szívében

Tulajdonostól eladó egy 83 nm-es, hangulatos, jó állapotú révfalusi tégla lakás. Lokáció: Révfalu központi részén a belvárostól pár perc séta-távolságra.
2004-ben épült 4 emeletes társasház, rendezett anyagi háttérrel és lakóközösséggel. A lakás a 2. emeleten található, liftes.
A lakás helyiségei: napsütötte amerikai konyhás nappali és étkező. A gépesített konyhában külön konyhasziget is található rengeteg tárolóval és a külön kamra is a kényelmet szolgálja. A fürdőszoba zuhanykabinnal és káddal. Külön WC és kézmosó. Külön gardrób és háztartási helyiség. 2 hálószoba, mely zárt udvarra és csendes kertekre néz. Tágas előszoba, beépített szekrénnyel.
A lakás klímával és riasztó rendszerrel felszerelt, egyedi mérőkkel. A lakáshoz teremgarázs beálló, külön, 4 m forintért megvásárolható.

További kérdés esetén állok szíves rendelkezésére. We speak english.
Ingatlanosok kérem semmilyen konstrukcióval ne keressenek.

Érdeklődés: 06 20 282 9120

Codice etico per la caccia

Codice etico per la caccia. Tradizioni e cultura moderna della caccia.

La caccia, come una delle più antiche attività umane, significa un rapporto speciale tra uomo e natura. Questo rapporto è modellato e regolato da istinti, tradizioni e leggi. La caccia è una passione, uno sport, una professione e un’attività economica allo stesso tempo. La caccia è un’attività complessa progettata per garantire il mantenimento e l’utilizzo di scorte di selvaggina cacciabili simultaneamente e in modo inseparabile. La caccia è una delle attività più controverse nel nostro mondo moderno, poiché molte specie sarebbero in pericolo senza gli sforzi dei cacciatori. Tuttavia, è vero anche che la caccia stessa è una delle fonti di pericolo, quindi abbiamo raccolto i principi “Codice etico” che devono essere seguiti dai cacciatori:

Il principio di responsabilità per la natura

La natura è un habitat per la natura e una condizione di vita per l’uomo. La base della moralità venatoria è quindi una responsabilità generale della natura. L’amore per la natura presuppone oggi attività e partecipazione attiva. Perció: Il vero cacciatore non solo ama e ammira, ma conosce anche la natura. Conosce e si attiene alla natura e alle normative, leggi e regolamenti ambientali. Conosce, protegge e difende animali e piante protetti. Conosce particolarmente la descrizione generale, il comportamento, l’alimentazione, la biologia riproduttiva e le malattie delle specie cacciabili.

Il principio di competenza e conoscenza professionale

La caccia per uccidere selvaggina può essere un’attività mirata. A questo proposito, la caccia può quindi essere considerata una professione, che presuppone competenza, precisione, affidabilità nonché perfetta manipolazione degli attrezzi e conoscenza dei materiali, indipendentemente dal fatto che il cacciatore in questione eserciti il ​​mestiere come professionista o come hobby.

Il vero cacciatore è un esperto delle specie cacciabili, con particolare riguardo ai principi di possibilità. Il sesso, l’età, la qualità dei trofei e lo stato di salute delle specie selvatiche devono essere chiaramente riconosciuti e giudicati da tutti i cacciatori.

Il risultato della caccia è notevolmente migliorata da cani da caccia ben addestrati, disciplinati e impiegati professionalmente. Il proprietario del cane dovrebbero avere una conoscenza cinologica adeguata, con particolare riferimento all’allevamento, alla formazione, alla disciplina e al lavoro congiunto sulla caccia. È vietato e non etico cacciare con cani non addestrati e disobbedienti.

Il principio della dignità degli animali

Il nostro paese comune é la Terra con le specie di animali e fauna selvatica che popolano e colorano la natura. Gli abitanti delle foreste e dei campi non sono nostri nemici. La caccia comporta l’estinzione della vita animale, ma uno dei fondamenti principali della caccia è il rispetto della vita e della dignità degli animali.

Il cacciatore morale non corre rischi, non spara troppo lontano e in situazioni insicuri, perché si deve  evitare i danni all’animale e tutte le sue sofferenze.

Il cacciatore morale non corre rischi, non spara troppo lontano e in situazioni insicuri, perché si deve  evitare i danni all’animale e tutte le sue sofferenze.

La selvaggina uccisa dovrebbe essere rispettata, indipendentemente dalla razza,  dalla qualità del trofeo.

Il cacciatore non causa in alcun modo sofferenze agli animali, condanna ogni forma di tortura animale e, se può, la previene.

I principi della possibilitá, dell’autocontrollo e dell’autodisciplina

Lo scopo finale della caccia è uccidere e prendere la selvaggina, ma non con tutti i mezzi ed in ogni modo!
L’umanizzazione della caccia significa dare una possibilità alla natura e limitarci e l’un l’altro e noi stessi.
È vietato e immorale cacciare con arma automatica, , ma ci si può giustamente aspettare che l’uso di armi a ripetizione multi-colpo altrimenti consentite riduca al minimo il numero di colpi, ossia l’autolimitazione.
Cannocchiale infrarossi, registratori a nastro che sentono i suoni delle esche, sostanze che provocano cattivi odori che agiscono sugli istinti degli animali da abbaia, ovvero il vero cacciatore non utilizza gli strumenti della moderna tecnologia, perché è possibile solo confrontare le capacità date dal dio della selvaggina con le capacità del cacciatore e la resistenza, la tenacia e la forza di volontà umane.
Non è degno sparare a un coniglio seduto, un fagiano seduto sul ramo di un albero o che corre, un’anatra selvatica che nuota nell’acqua, un’oca che pascola sulla terra, una scrofa con maialini, una cerva con vitello piccolo, una capriola che guida i suoi bambini.
Durante delle cacce sociali, la disciplina, la capacità di adattarsi agli altri e l’esecuzione rapida, accurata e professionale dei compiti assegnati qualificano i partecipanti.
Il cacciatore deve preservare la dignitá anche quando condivide la selvaggina.
Prendere degli esemplari più belli, le lamentele rumorose e incolte guastano tutta l’atmosfera della caccia.

Il principio della tradizione

Nel corso della millenaria storia della caccia, la pratica è diventata un’usanza, un’usanza diventata una ceremonia, una cerimonia diventata una morale.
La caccia ha avuto origine e si sta evolvendo sulla base delle tradizioni venatorie, formando un ponte tra il passato infinito e il futuro imprevedibile.
L’inaugurazione come cacciatore, una delle tradizioni più antiche, gioia collettiva e orgoglio individuale.
Il contenuto dell’inaugurazione venatoria è l’accettazione, il riconoscimento. La cerimonia di inaugurazione è modellata sulla pratica medievale del cavaliere.
Il vestito è sempre stato più di uno scudo per il corpo. Una parte del vestito da caccia aiuta ad adattarsi alle condizioni speciali dell’attività venatoria, inoltra identifica chi lo indossa di fronte ad altri membri della società. Le parole brutte e oscene sono inaccettabili tra i cacciatori che amano la natura, rispettano gli animali e conservano le esperienze di caccia come un tesoro.
Una degna chiusura della caccia è il sistemazione dei capi abbattuti. Questa ceremonia solenne non è altro che posizionare gli animali uccisi in una forma regolare, che, da un lato, serve a fare il contaggio dell’animali e, dall’altro, a creare un’atmosfera solenne. Con un’ambientazione ordinata e decorata da cacciatori, il cacciatore celebra il suo successo e rende omaggio alla memoria delle sue vittime. Ogni selvaggina che viene uccisa, piccola o grande che sia, ha il massimo dell’onore.
Il trofeo è un distintivo della vittoria. Un trofeo di caccia è una parte del corpo della selvaggina, una piuma, una pelliccia, un corno che conserva in forma oggettivata tutti i ricordi e le circostanze della caccia, rendendoli per sempre. Il trofeo è un valore inestimabile per il cacciatore, ma allo stesso tempo non può diventare uno status symbol.

Il valore di un trofeo non è dato solo dalla sua dimensione o dal valore in punti.
La caccia considera anche i rapporti umani diversi come valori. La caccia rispetta gli anziani, aiuta i giovani, sostiene attivamente e responsabilmente l’associazione e i leader economici che organizzano la vita comunitaria del collettivo e gestiscono la gestione della selvaggina.
I punti salienti dello sviluppo e della diffusione di una vita sociale impegnativa, la conservazione delle tradizioni e della cultura della caccia includono la Messa Hubertus, le Giornate della caccia, e le balle di caccia. Che questi eventi siano occasioni di conoscenza, dialogo e riconciliazione tra cacciatori e non cacciatori.
Questi eventi devono essere gli occasioni di conoscenza, dialogo e riconciliazione tra cacciatori e non cacciatori.

Il principio di sicurezza

Lo strumento del cacciatore è l’arma. L’arma è, da un lato, un potere sulle altre vite e, dall’altro, uno strumento che mette in pericolo noi stessi e gli altri.

Per questo motivo:

I requisiti di base per trasportare e usare le armi sono una perfetta competenza ed equilibrio, una solida moralità.
In nessun caso il cacciatore può mettere in pericolo la sicurezza degli altri. Il principio di sicurezza esclude anche la legittimità del minor rischio.
Prima o durante la caccia, il consumo di alcol è vietato dalla legge e moralmente condannato.
Un cacciatore può prendere in mano il suo fucile solo se non ha problemi di salute, se è riposato e nervosamente equilibrato.
Il fucile del cacciatore deve essere ben curata, pulita, controllata e tecnicamente perfetta.
Cosa, che per il cacciatore una riserva di caccia, è per qualcun altro un terreno , una foresta o semplicemente un popolare luogo di escursioni.
La natura è una nostra proprietà comune, il cacciatore non può appropriarsene.
Pertanto, un colpo dovrebbe essere sparato solo su animali selvatici ben visibili e visibilmente riconosciuti, in un terreno attentamente controllato.
L’occasione persa può essere ripetuta, ma la cartuccia sparata non può essere mai invertito!

Restrizioni al confine, ma la stagione di caccia non si è fermata in Ungheria.

L’epidemia di quest’anno ha capovolto la nostra vita, le chiusure primaverili si é fermato quasi tutta l’Europa. Non molto tempo fa di nuovo vengono segnalate sempre più infezioni da diversi paesi, la salute di tutti dovrebbe essere il piú importante.

La stagione di caccia di quest’anno in Ungheria è iniziata con il ruggito di cervo e con la caccia ai cervi dal 1 ° settembre. Già nei primi giorni, è diventato molto incerto come gli stranieri potessero venire in Ungheria, poiché li attende una quarantena obbligatoria di due settimane. Secondo un articolo di Euronews, la stagione di caccia di quest’anno sarà notevolmente cambiata dal virus, ma alcuni cacciatori ospiti sono riusciti a venire in Ungheria. Per motivi economiche gli stranieri possono ancora entrare in Ungheria, quindi chiunque possa dimostrarlo questo motivo, può cacciare in Ungheria mentre resta qui.

Stagione di caccia 2020 in Ungheria
Imaggine: Euronews Hungary

Gentili cacciatori italiani  chi hanno intenzioni di cacciare in Ungheria, cercateci con fiducia. Naturalmente, sia durante che dopo la caccia, devono essere osservate le regole sanitarie ed epidemiologiche, sulle quali forniamo informazioni dettagliate (es. mantenere la distanza all’interno, indossa maschera).

Richiesta d’informazione..

Benvenuti sul sito Caccia Arrabona!

Se vuole venire in Ungheria con amici alla caccia di lepre, fagiani o altri tipi di selvaggina, non esitare a contattarci. Alla caccia della selvaggina piccola di solito offriamo l’opportunitá di uccidere lepre, fagiani, anatre selvatiche con preferenza in base alla discussione. Altri animali secondo l’elenco delle specie cacciabili possono anche essere uccisi in generale: ad esempio, acquatici, colombaccio, tortora, volpe, ecc. 

Vi preghiamo di contattarci via e-mail o telefono. Vi preghiamo di dare il nome, le informazioni di contatto, il tempo desiderato, se vuole una caccia individuale o di gruppo. Risponderemo in breve tempo. Leggi di piú sul nostro servizo:

Email: cacciaarrabona (at) gmail.com

Tel: + (36) 20 938 75 70

O leggi di piú sul nostro servizo: OPPORTUNITÁ DI CACCIA IN UNGHERIA