Caccia Arrabona

Bistecca di cervo con semi diversi

bistecca di cervo

Bistecca di cervo con semi diversi

Ingredienti per 2 persone:
40 dkg filetto di cervo
2 dkg di burro
1 cucchiaio di olio d’oliva
sale, pepe
1 dl vino rosso di buona qualitá
1 rametto di rozmarino fresco
2 cucchiai di burro di arachidi
10 dkg miscela di semi oleosi macinata grossolanamente

La carne di cervo scongelata viene lasciata riposare per 1 ora a temperatura ambiente prima di friggere. Scaldiamo l’olio in una padella e poi soffriggere la carne condita a piacere da entrambi i lati per 3-4 minuti. Alla fine della frittura, il burro viene fuso alla carne in modo che il burro fuso copra entrambi i lati. La padella viene tolta dal fuoco,
ricoperta di carta stagnola e l’arrosto viene lasciato riposare per altri 5-10 minuti. Si mette da parte la carne finita, si riscalda il composto di burro oleoso rimasto nella padella, si aggiungono il vino e il rametto di rosmarino e si fa bollire la salsa pronta per 2-3 minuti. La bistecca riposata viene leggermente spalmata di burro di arachidi e poi
arrotolata nella miscela di semi grossolanamente macinata.
Per guarnire consigliamo il purè di patate ai funghi, patate al forno, o le verdure al vapore.

Saluto di fine anno

linverno caccia ungheria

Cari Amici Cacciatori Conosciuti e Sconosciuti!

Purtroppo quest’anno non è andato come avevamo iniziato con dei bei piani, l’epidemia mondiale virale ha sconvolto tutto.

Ha reso il nostro modo di vivere molto difficile ed è cambiato nella vita delle famiglie, nel lavoro, ma anche nel divertimento, nello sport e nei vari hobby.

Allo stesso modo, era una delle passioni e degli hobby più belli – anche nel campo della caccia.

Purtroppo, non abbiamo potuto organizzare cacce per ospiti stranieri in visita in Ungheria, non abbiamo potuto goderci i programmi di successo e ricchi di esperienza con loro e le serate piacevoli, amichevoli e allegre che abbiamo trascorso insieme.

Con il nostro enorme senso di mancanza, pensiamo di non essere soli, poiché ogni vero cacciatore non vede l’ora di ottenere il suo trofeo, abbandonare la sua selvaggina e poi raccontare ai suoi amici per ore – forse un po ‘esagerati – come è successo tutto.

Speriamo davvero che presto ci sarà qualcosa da raccontare, ancora una volta ci sarà l’occasione per emozionanti avventure, belle cacce! Faremo del nostro meglio per ricominciare la caccia non appena le restrizioni saranno rimosse.
Stiamo aspettando le vostre interesse, richieste e domande.

Vi auguriamo buona salute e tanta gioia per le prossime Feste!  

      Buon Natale e un Felicissimo Anno Nuovo a Tutti!

Codice etico per la caccia

Codice etico per la caccia. Tradizioni e cultura moderna della caccia.

La caccia, come una delle più antiche attività umane, significa un rapporto speciale tra uomo e natura. Questo rapporto è modellato e regolato da istinti, tradizioni e leggi. La caccia è una passione, uno sport, una professione e un’attività economica allo stesso tempo. La caccia è un’attività complessa progettata per garantire il mantenimento e l’utilizzo di scorte di selvaggina cacciabili simultaneamente e in modo inseparabile. La caccia è una delle attività più controverse nel nostro mondo moderno, poiché molte specie sarebbero in pericolo senza gli sforzi dei cacciatori. Tuttavia, è vero anche che la caccia stessa è una delle fonti di pericolo, quindi abbiamo raccolto i principi “Codice etico” che devono essere seguiti dai cacciatori:

Il principio di responsabilità per la natura

La natura è un habitat per la natura e una condizione di vita per l’uomo. La base della moralità venatoria è quindi una responsabilità generale della natura. L’amore per la natura presuppone oggi attività e partecipazione attiva. Perció: Il vero cacciatore non solo ama e ammira, ma conosce anche la natura. Conosce e si attiene alla natura e alle normative, leggi e regolamenti ambientali. Conosce, protegge e difende animali e piante protetti. Conosce particolarmente la descrizione generale, il comportamento, l’alimentazione, la biologia riproduttiva e le malattie delle specie cacciabili.

Il principio di competenza e conoscenza professionale

La caccia per uccidere selvaggina può essere un’attività mirata. A questo proposito, la caccia può quindi essere considerata una professione, che presuppone competenza, precisione, affidabilità nonché perfetta manipolazione degli attrezzi e conoscenza dei materiali, indipendentemente dal fatto che il cacciatore in questione eserciti il ​​mestiere come professionista o come hobby.

Il vero cacciatore è un esperto delle specie cacciabili, con particolare riguardo ai principi di possibilità. Il sesso, l’età, la qualità dei trofei e lo stato di salute delle specie selvatiche devono essere chiaramente riconosciuti e giudicati da tutti i cacciatori.

Il risultato della caccia è notevolmente migliorata da cani da caccia ben addestrati, disciplinati e impiegati professionalmente. Il proprietario del cane dovrebbero avere una conoscenza cinologica adeguata, con particolare riferimento all’allevamento, alla formazione, alla disciplina e al lavoro congiunto sulla caccia. È vietato e non etico cacciare con cani non addestrati e disobbedienti.

Il principio della dignità degli animali

Il nostro paese comune é la Terra con le specie di animali e fauna selvatica che popolano e colorano la natura. Gli abitanti delle foreste e dei campi non sono nostri nemici. La caccia comporta l’estinzione della vita animale, ma uno dei fondamenti principali della caccia è il rispetto della vita e della dignità degli animali.

Il cacciatore morale non corre rischi, non spara troppo lontano e in situazioni insicuri, perché si deve  evitare i danni all’animale e tutte le sue sofferenze.

Il cacciatore morale non corre rischi, non spara troppo lontano e in situazioni insicuri, perché si deve  evitare i danni all’animale e tutte le sue sofferenze.

La selvaggina uccisa dovrebbe essere rispettata, indipendentemente dalla razza,  dalla qualità del trofeo.

Il cacciatore non causa in alcun modo sofferenze agli animali, condanna ogni forma di tortura animale e, se può, la previene.

I principi della possibilitá, dell’autocontrollo e dell’autodisciplina

Lo scopo finale della caccia è uccidere e prendere la selvaggina, ma non con tutti i mezzi ed in ogni modo!
L’umanizzazione della caccia significa dare una possibilità alla natura e limitarci e l’un l’altro e noi stessi.
È vietato e immorale cacciare con arma automatica, , ma ci si può giustamente aspettare che l’uso di armi a ripetizione multi-colpo altrimenti consentite riduca al minimo il numero di colpi, ossia l’autolimitazione.
Cannocchiale infrarossi, registratori a nastro che sentono i suoni delle esche, sostanze che provocano cattivi odori che agiscono sugli istinti degli animali da abbaia, ovvero il vero cacciatore non utilizza gli strumenti della moderna tecnologia, perché è possibile solo confrontare le capacità date dal dio della selvaggina con le capacità del cacciatore e la resistenza, la tenacia e la forza di volontà umane.
Non è degno sparare a un coniglio seduto, un fagiano seduto sul ramo di un albero o che corre, un’anatra selvatica che nuota nell’acqua, un’oca che pascola sulla terra, una scrofa con maialini, una cerva con vitello piccolo, una capriola che guida i suoi bambini.
Durante delle cacce sociali, la disciplina, la capacità di adattarsi agli altri e l’esecuzione rapida, accurata e professionale dei compiti assegnati qualificano i partecipanti.
Il cacciatore deve preservare la dignitá anche quando condivide la selvaggina.
Prendere degli esemplari più belli, le lamentele rumorose e incolte guastano tutta l’atmosfera della caccia.

Il principio della tradizione

Nel corso della millenaria storia della caccia, la pratica è diventata un’usanza, un’usanza diventata una ceremonia, una cerimonia diventata una morale.
La caccia ha avuto origine e si sta evolvendo sulla base delle tradizioni venatorie, formando un ponte tra il passato infinito e il futuro imprevedibile.
L’inaugurazione come cacciatore, una delle tradizioni più antiche, gioia collettiva e orgoglio individuale.
Il contenuto dell’inaugurazione venatoria è l’accettazione, il riconoscimento. La cerimonia di inaugurazione è modellata sulla pratica medievale del cavaliere.
Il vestito è sempre stato più di uno scudo per il corpo. Una parte del vestito da caccia aiuta ad adattarsi alle condizioni speciali dell’attività venatoria, inoltra identifica chi lo indossa di fronte ad altri membri della società. Le parole brutte e oscene sono inaccettabili tra i cacciatori che amano la natura, rispettano gli animali e conservano le esperienze di caccia come un tesoro.
Una degna chiusura della caccia è il sistemazione dei capi abbattuti. Questa ceremonia solenne non è altro che posizionare gli animali uccisi in una forma regolare, che, da un lato, serve a fare il contaggio dell’animali e, dall’altro, a creare un’atmosfera solenne. Con un’ambientazione ordinata e decorata da cacciatori, il cacciatore celebra il suo successo e rende omaggio alla memoria delle sue vittime. Ogni selvaggina che viene uccisa, piccola o grande che sia, ha il massimo dell’onore.
Il trofeo è un distintivo della vittoria. Un trofeo di caccia è una parte del corpo della selvaggina, una piuma, una pelliccia, un corno che conserva in forma oggettivata tutti i ricordi e le circostanze della caccia, rendendoli per sempre. Il trofeo è un valore inestimabile per il cacciatore, ma allo stesso tempo non può diventare uno status symbol.

Il valore di un trofeo non è dato solo dalla sua dimensione o dal valore in punti.
La caccia considera anche i rapporti umani diversi come valori. La caccia rispetta gli anziani, aiuta i giovani, sostiene attivamente e responsabilmente l’associazione e i leader economici che organizzano la vita comunitaria del collettivo e gestiscono la gestione della selvaggina.
I punti salienti dello sviluppo e della diffusione di una vita sociale impegnativa, la conservazione delle tradizioni e della cultura della caccia includono la Messa Hubertus, le Giornate della caccia, e le balle di caccia. Che questi eventi siano occasioni di conoscenza, dialogo e riconciliazione tra cacciatori e non cacciatori.
Questi eventi devono essere gli occasioni di conoscenza, dialogo e riconciliazione tra cacciatori e non cacciatori.

Il principio di sicurezza

Lo strumento del cacciatore è l’arma. L’arma è, da un lato, un potere sulle altre vite e, dall’altro, uno strumento che mette in pericolo noi stessi e gli altri.

Per questo motivo:

I requisiti di base per trasportare e usare le armi sono una perfetta competenza ed equilibrio, una solida moralità.
In nessun caso il cacciatore può mettere in pericolo la sicurezza degli altri. Il principio di sicurezza esclude anche la legittimità del minor rischio.
Prima o durante la caccia, il consumo di alcol è vietato dalla legge e moralmente condannato.
Un cacciatore può prendere in mano il suo fucile solo se non ha problemi di salute, se è riposato e nervosamente equilibrato.
Il fucile del cacciatore deve essere ben curata, pulita, controllata e tecnicamente perfetta.
Cosa, che per il cacciatore una riserva di caccia, è per qualcun altro un terreno , una foresta o semplicemente un popolare luogo di escursioni.
La natura è una nostra proprietà comune, il cacciatore non può appropriarsene.
Pertanto, un colpo dovrebbe essere sparato solo su animali selvatici ben visibili e visibilmente riconosciuti, in un terreno attentamente controllato.
L’occasione persa può essere ripetuta, ma la cartuccia sparata non può essere mai invertito!

Restrizioni al confine, ma la stagione di caccia non si è fermata in Ungheria.

L’epidemia di quest’anno ha capovolto la nostra vita, le chiusure primaverili si é fermato quasi tutta l’Europa. Non molto tempo fa di nuovo vengono segnalate sempre più infezioni da diversi paesi, la salute di tutti dovrebbe essere il piú importante.

La stagione di caccia di quest’anno in Ungheria è iniziata con il ruggito di cervo e con la caccia ai cervi dal 1 ° settembre. Già nei primi giorni, è diventato molto incerto come gli stranieri potessero venire in Ungheria, poiché li attende una quarantena obbligatoria di due settimane. Secondo un articolo di Euronews, la stagione di caccia di quest’anno sarà notevolmente cambiata dal virus, ma alcuni cacciatori ospiti sono riusciti a venire in Ungheria. Per motivi economiche gli stranieri possono ancora entrare in Ungheria, quindi chiunque possa dimostrarlo questo motivo, può cacciare in Ungheria mentre resta qui.

Stagione di caccia 2020 in Ungheria
Imaggine: Euronews Hungary

Gentili cacciatori italiani  chi hanno intenzioni di cacciare in Ungheria, cercateci con fiducia. Naturalmente, sia durante che dopo la caccia, devono essere osservate le regole sanitarie ed epidemiologiche, sulle quali forniamo informazioni dettagliate (es. mantenere la distanza all’interno, indossa maschera).

Richiesta d’informazione..

Lepri catturati

lepri catturati ungheria
Lepre selvaggina

Le riserve di caccia Ungheresi offrono lepri pronta caccia, lepre selvatica provenienti da cattura corredati di documenti e certificati veterinari atti all’esportazione. Si cercano acquirenti per lepre di cattura, la disponibilitá é di 300/600 capi lepri catturati dall’ Ungheria. Il periodo indicativo di consegna é Dicembre 2020. Per informazioni relative ai prezzi / quantitá minime e disponibilitá contattare via mail o telefonare ai recapiti nel nostro sito.

Gulasch di cervo

Questo delizioso piatto della cucina tradizionale ungherese si basa sulla delicata armonia di peperoni macinato e selvaggina. Si prepara in molti modi diversi per regione e producono  cibi selvatici “gulasch” in molti luoghi dell’Europa occidentale anche. Noi vogliamo ora condividere la ricetta della famiglia.

gulasch di cervo
Gulasch di cervo

Gulasch di cervo  della piccola pianura:

Ingredienti:

  • 1,2 kg  spalla o coscia di cervo
  • 35  dkg cipolle
  • 10 dkg pancetta fumicata
  • 1 cucchiaio di grasso
  • 6 bacche di ginepro
  • 4 rami di timo
  • 1 cucchiaio di marmellata di mirtilli rossi
  • 2 dl di vino rosso secco
  • 2 cucchiaino di sale (secondo gusto)
  • 1 cucchiaino di pepe
  • 1 cucchiaio di peperoni macinato
  • 4 spicchi d’agliopeperoni picante (secondo gusto)

Preparazione:

Le parti sanguinanti della carne, le membrane in eccesso  vengono asportate e la carne pulita viene tagliata a pezzi di 2 x 2 cm. Tagliare leggermente a dadini la pancetta, scioglierla in grasso e friggerla con la cipolla tagliata. Se la cipolla è abbastanza gialla, aggiungi  il peperoni macinato, l’aglio schiacciato e la carne pulita. Aggiungi il ginopero, il timo, il sale , pepe e inizia a cuocere a fuoco lento senza coperchio. La carne prima lascia il succo e poi bolle il suo succo. Dopo versaci sopra il vino rosso e aggiungi la marmellata di mirtilli mescolando. Quando é bollato il suo succo di nuovo, aggiungi  1 dl acqua e contiunare a cuocere a fuoco lento. Ripetere l’operazione più volte, cuocendo il gulasch con una sostituzione intermittente del liquido fino a quando la carne è tenera. Come contorno consigliamo patate lesse, ma è eccellente anche con sottaceti e una fetta di pane. Buon Appetito!

Altre ricette

Esposizione Mondiale della Caccia nel 2021 in Ungheria

Esposizione Mondiale della Caccia nel 2021 in Ungheria

L’Ungheria ha vinto il diritto di ospitare l’ Esposizione Mondiale della Caccia del 2021. l’Ungheria attenderà almeno un milione di visitatori all’Esposizione.  La sede centrale dell’evento,  dal 25 settembre al 14 ottobre 2021, sarà Budapest. Ma ci saranno programmi in tutto il paese. Altri luoghi: Gödöllő, Hatvan, Keszthely, Vásárosnamény. L’evento centrale si svolgerà presso l’HUNGEXPO, la più grande area espositiva in Ungheria. Gli organizzatori l’ Esposizione Mondiale della Caccia promettono che le parti interessate nazionali e internazionali saranno in grado di conoscere la cultura della caccia, le opportunità di caccia, ma anche i valori e i tesori naturali dell’Ungheria. Inoltre, ci sarà un dialogo professionale serio durante i  20 giorni. Oltre all’evento di tre settimane, tuttavia, sono in fase di preparazione anche molte altre mostre, conferenze ed eventi di rango internazionale. Oltre alla caccia, il pesce e la gastronomia di selvaggina e la cultura del vino che lo accompagna sono importanti.

In occasione del 50 ° anniversario della Fiera Mondiale di Budapest del 1971, una comunità di cacciatori, pescatori, cavalieri, cani e amanti della natura celebrerà insieme. L’offerta dettagliata del programma sarà pubblicata sul nostro sito Web non appena sarà disponibile. Siamo pronti ad assistere i nostri ospiti nella visita della mostra, nella prenotazione dell’alloggio e in altri organizzazioni. Anche combinato con un paio di giorni di caccia. Contatti sulla pagina principale.

Brodo di fagiano alla Arrabona

Perché un brodo di fagiano? Il fagiano era molto popolare nei vecchi tempi e consumato in vari modi. La carne del fagiano conferisce a questa zuppa un gusto caratteristico e particolarmente ricco. Il fagiano é un bellissimo animale e posso dire con certezza che si puó fare un ottimo brodo.

Brodo di fagiano, cucina venatoria
Brodo di fagiano, Imaggine: Pixabay

Preparazione: 30 minuti

Cottura: 2-3 ore

Ingredienti:

  • un fagiano intero
  • un tubero di sedano
  • 5  carote
  • 3 radici di prezzemolo
  • una cipolla
  • 3 spicchio d’aglio
  • un pomodoro
  • 6 grani di pepe
  • un pizzio pepe macinato
  • un mazzetto di prezzemolo
  • 3  litri acqua
  • sale
  • tagliatelle sottili (capelli d’angelo)

Il fagiano ben pulito e spiumato  lo tagliamo in pezzi di media grandezza. Riempiamo di acqua fredda una pentola capiente, aggiungiamo  il fagiano nell’acqua insieme a  pepe e sale. Si mette sui fuoco e si lascia sobbollire  (pipare) a fuoco basso per 1,5 ore circa. Con una schiumarola, ogni tanto si eliminano le impurita scure che salgono a galla Dopo aggiungiamo le verdure  e bisogna cuocere fino a quando la carne si stacca facilmente dalle ossa. Dopo togliamo il fagiano e verdure  e filtriamo  in modo da ottenere un brodo limpido. Il brodo di fagiano é molto magro, quindi possiamo utilizzarlo subito dopo averlo filtrato, non é necessario sgrassarlo. Prendiamo 3-4 decilitri del brodo in una altra pentola e cuciniamo le tagliatelle sottili. Mettiamo la carne, carote, i radici di prezzemolo e tagliatelle nei piatti ed aggiungiamo il brodo bollente. Possiamo anche offrire peperoni picante a piacere.

Buon apetito!

Altre ricette

Buona Pasqua a tutti amici Italiani

La Pasqua é arrivata. In altri casi abbiamo trascorso questa festa nell’ armonia, salute, benessere. In un momento cosi difficile gli auguri di buona Pasqua rappresentano uno spiraglio di luce per il futuro. Inviamo in questo modo nostro simpatia per tutte le famigle italiane e speriamo che la situazione torni presto alla normalitá. Speriamo bene…


Benvenuti sul sito Caccia Arrabona!

Se vuole venire in Ungheria con amici alla caccia di lepre, fagiani o altri tipi di selvaggina, non esitare a contattarci. Alla caccia della selvaggina piccola di solito offriamo l’opportunitá di uccidere lepre, fagiani, anatre selvatiche con preferenza in base alla discussione. Altri animali secondo l’elenco delle specie cacciabili possono anche essere uccisi in generale: ad esempio, acquatici, colombaccio, tortora, volpe, ecc. 

Vi preghiamo di contattarci via e-mail o telefono. Vi preghiamo di dare il nome, le informazioni di contatto, il tempo desiderato, se vuole una caccia individuale o di gruppo. Risponderemo in breve tempo. Leggi di piú sul nostro servizo:

Email: cacciaarrabona (at) gmail.com

Tel: + (36) 20 938 75 70

O leggi di piú sul nostro servizo: OPPORTUNITÁ DI CACCIA IN UNGHERIA